CAMMINARE O CORRERE QUESTO IL DILEMMA!

Camminare o correre, qual è l’attività perfetta per perdere peso? La ricetta del giorno: rotolo di pollo

4 maggio 2015 • Benessere, Blog, Eventi
di Giulia Biondi – Camminare o correre? Che differenza c’è tra queste due attività fisiche molto simili tra loro? Cosa cambia a livello fisiologico e metabolico? Sembrerà strano, ma queste due discipline sportive racchiudono molte realtà diverse. Volendo privilegiare la questione perdita di grasso corporeo e dimagrimento, a chi non è un grande sportivo, e nella sua vita si è dilettato poco o nulla al movimento, consiglierei di imparare a camminare a passo sostenuto.

Ebbene sì, imparare. Molte persone pensano che camminare a passo svelto sia la stessa cosa che fare una passeggiata su e giù per il corso della città, leggendo un sms o un whatsapp sul cellulare lasciando ciondolare i piedi in modo morbido e stanco.

Indubbiamente è meglio di niente ma, se proprio dobbiamo impegnare un’ora della nostra giornata in modo costruttivo, meglio rendere propositiva l’attività.

Una ricerca pubblicata nei primi mesi del 2013 sulla rivista scientifica Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology dell’American Heart Association ha preso in esame per 6 anni più di 15 mila camminatori di età compresa tra i 18 e gli 80 anni. I risultati ottenuti faranno molto piacere a tutti coloro che non sopportano la grande fatica della corsa: la camminata è risultata avere un fattore di prevenzione più alto per le malattie cardiovascolari. Inoltre, sempre la stessa ricerca afferma che, rispetto alla corsa, consumando le stesse calorie, il colesterolo diminuisce in maniera più importante con una camminata, come anche la pressione sanguigna.

Mentre per i chili di troppo? E’ più utile camminare un’ora consumando le stesse calorie che si brucerebbero in soli 30 minuti di corsa. Come è possibile?

Spiegato in modo semplice ma chiaro: se lavoro senza andare in affanno, e quindi senza andare in carenza di ossigeno, il mio corpo utilizzerà almeno per un 70% l’energia presente nel grasso, se invece ho il fiatone come se mi mancasse l’aria, allora vuol dire che sono in carenza di ossigeno e l’energia utilizzata sarà maggiormente ottenuta dal muscolo.

Allo stesso tempo camminare lenti e svogliati non serve a molto se non a consumare più o meno 130 kcal in un ‘ora e migliorare la circolazione. Quindi: chi va piano (ma non troppo piano) va sano e va lontano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *