LE NOSTRE LEGGENDE: LUIGI BIGGI

                                                           Tra i nostri più importanti ma anche fedeli atleti, è doveroso ricordare Luigi Biggi. Un talento inarrestabile che fino alla fine portò i nostri colori e che all’età di 79 anni divenne campione nazionale (categoria senior) di marcia distruggendo la concorrenza.
Partiamo però dalle origini. Luigi, classe 1910, nacque a Roma ma poco dopo si trasferì a Pistoia, città a cui si è fin da sempre sentito legato. Inoltre, fece parte della storia di questa città quando sfollò sulle colline di Vinacciano nel 1933 e conobbe Silvano Fedi di cui fu un testimone durante la sua cattura. Proprio in questo periodo nacque il suo eterno amore per la marcia. Luigi era marinaio del battaglione San Marco e proprio mentre era per questioni militari
a Shangai (Cina), il 4 dicembre 1932 partecipò ad una manifestazione di marcia internazionale arrivando 1° tra gli italiani e 12° assoluto. Anche qui il nostro atleta ha lasciato un altro segno nella storia, scambiandosi lettere sui ricordi di quella fantastica esperienza con la “Cavallina Pazza”, nome attribuito al consolato italiano alla figlia di Mussolini. Nello stesso anno Luigi tornò in Italia e continuò a gareggiare sempre di più, portando a casa sempre ottimi risultati nazionali, europei e mondiali. La sua fama di marciatore si diffuse in tutta Italia e dopo un passato nazionale davvero brillante divenne la spalla di professionisti come Pamich, Bomba e Dordoni Pino, campione mondiale di marcia (50 km).
Tutto ciò fu possibile grazie alla sua tenacia, al suo amore per la marcia e ai numerosi e faticosi allenamenti che praticava specialmente nell’ex campo di volo pistoiese (attuale ospedale), lontano da occhi indiscreti, che all’epoca vedevano nel marciare qualcosa di ridicolo.
Un’altra delle più importanti vittorie della sua vita avvenne nel 1937, la quale però non fu sportiva. In quell’anno infatti nacque Maria, un frammento insostituibile del C.A.I., alla quale trasmise il suo amore per lo sport, per il podismo e il legame con la squadra.
Come avrete capito dalla precedente affermazione, Luigi non era contento solo di marciare e basta, così decise di unirsi al gruppo podistico dei “Due Galli di Lucca”. Poco dopo conobbe il nostro gruppo e nel 1975 decise di unirsi a vita ad esso.
Con la nostra maglia ha corso migliaia di corse , molte delle quali con la figlia Maria, piazzandosi tra i migliori nel campionato interno ogni anno. Tra le sue Più grandi competizioni troviamo sicuramente la 100 km di Milano-Lugano, la Pistoia-Abetone, percorsa ben 17 volte e l’ultima a 83 anni e la marcia Muggia-Trieste affrontata in tutte le sue edizioni (ben 47!!!).
Purtroppo la nostra leggenda si è spenta precisamente 25 anni fa nel modo che più lo rappresentava e cioè in una corsa.
Nonostante la sua assenza, la sua passione per il podismo e per il gruppo C.A.I. è comunque stata tramandata a queste nuove generazioni grazie alla nostra cara Maria.
        

AGGIORNAMENTI MARATONINA

Ci teniamo a comunicarvi con grande dispiacere che la nostra cara Maratonina di Pistoia, arrivata alla 33° edizione e che ogni anno veniva normalmente percorsa nel mese di marzo, per ora è stata annullata per ovvi motivi legati alle norme anticovid.
Attualmente non sappiamo darvi informazioni certe o una data precisa per l’evento ma vi promettiamo che appena verrà dato il via libera, cercheremo in tutti i modi di potervi far divertire nella nostra preziosa corsa, anche in un periodo diverso                                                                  da quello abitudinale. A presto.

-il consiglio amministrativo C.A.I.

I NOSTRI VETERANI: MARIA BIGGI

Quando si parla del nostro gruppo podistico non possiamo non parlare di Maria Biggi. Forse, tanti di voi pensano di non conoscerla, ma in realtà, se mai avete partecipato ad una corsa domenicale,
la persona che vi ha iscritto è proprio questa signora.
Maria però nella sua vita ha fatto molto più di questo.
Non a caso è presente al C.A.I. dal 29 maggio 1973 grazie al legame del padre, Luigi Biggi, una delle leggende del nostro gruppo podistico. Proprio lui le ha trasmesso la passione della corsa, talmente grande da non perdere mai un allenamento, neanche in inverno alle 7:30 di mattina, percorrendo sempre lo stesso tragitto di 18 km: casa del padre-Valdibrana-Uzzo-Corbezzi- Lacugna e ritorno prendendo il bus al Legno Rosso. Grazie al nostro presidente e al signor Bucci, altro fondatore del C.A.I., la nostra caina è riuscita a partecipare a tutte le gare domenicali per ben 24 anni.
Nella sua carriera l’esperienza più bella è stata nel 1978 dove,
a 41 anni, è riuscita a completare la 100 km del Passatore in 19h 45′. Nonostante il tempo passato, la nostra Maria riesce a ricordare ancora ogni attimo di quella corsa. In seguito, ha tentato quest’impresa altre 15 volte, concludendola altre 3 volte.
Nella sua carriera, il risultato non è mai stato un suo preciso obiettivo, bensì la bellezza della corsa e la passione che il padre ogni giorno ha cercato di tramandarle.
La nostra gloria caina per ben 46 anni, di cui 35 col padre, ha partecipato ad ogni gara della domenica, completando 52 corse all’anno, diventando così una delle donne caine con più km di corse e camminate nelle gambe. Inoltre, una fonte di onore e di orgoglio per il nostro gruppo è quella di aver completato all’età di 67 anni la famosissima Porta Franca-Abetone con partenza notturna. Altre 2 significative competizioni della sua vita sono state: la quattro giorni di Nimega in Olanda nel 1992, una corsa non competitiva da percorrere in 4 giorni con percorso variabile (120 km) e la maratonina sulle mura di Lucca, mentre il padre percorreva, come al solito, il percorso intero della maratona.
Parlare con lei per realizzare questo articolo è stato come sentire un continuo racconto pieno di bellissime avventure.
Da parte nostra possiamo semplicemente dire che Maria è stata sempre un mix di onestà, bravura, disponibilità ed amore per la corsa  che l’hanno resa una donna fondamentale per il C.A.I. al quale ha dato e tutt’ora dà anima e corpo organizzando ristori, occupandosi dell’iscrizioni e della consegna dei pettorali, delle vecchie tombole e tantissime altre cose.
Alla domanda: “Che ne pensi della corsa?” lei mi ha detto: “La corsa l’ho sempre fatta per il semplice piacere di essa e della squadra”.
Una voglia tale da alzarsi ogni domenica alle 5 di mattina per preparare il pranzo post corsa con spesso i nostri amici caini.
Per concludere possiamo solo dire che alla domanda: “Nel tempo libero; cosa facevi?” lei mi ha detto senza un pensarci due volte “Andavo a correre!”


VECCHI RITROVAMENTI

Una delle cose più belle in quanto membro di una squadra podistica è quella di rispolverare i vecchi ricordi e non c’è miglior modo di farlo con una foto.
Il nostro caro veterano caino Signorini Giuliano ha ritrovato e ci ha inviato questa bellissima foto della nostra squadra (presidente Bonistalli incluso) alla Marathon di Merano del 1983 che abbiamo senz’altro voluto condividere con tutti voi.

I NOSTRI ATLETI: LAURA MIGLIORI

Oggi abbiamo deciso di dedicare l’articolo sui “NOSTRI ATLETI” ad una protagonista del gruppo caino: Laura Migliori.
Donna affermatasi nell’ambiente del podismo dall’età di 16 anni grazie ad una vecchia amicizia. E’ praticamente nata nelle corse su strada e poi ha fatto esperienza in diverse società sparse per la Toscana per poi finire nel C.A.I. Pistoia nel 2014.
Nella sua carriera ha percorso migliaia e migliaia di km  percorrendo numerose gare locali, regionali, 3 maratone: Firenze, Verona e Roma, in cui ha registrato un personale di 3h 33’e molte edizioni della Strarimini. Le sue gare preferite sono senz’altro quelle in salita. Non a caso una delle sue gare preferite è quella di San Marcello, percorsa diverse volte e registrando un personale di 2h 32′, motivo di grande soddisfazione personale. Un altra competizione a lei molto cara è senz’altro la Reggello Vall’Ombrosa percorrendo 13 km in salita immersi nel verde, in solo 1h 9′, ma anche la Cortina Dobbiaco
(30 km) con un personale di 2h 14′.
Il 2011 è stato il suo anno d’oro, rientrando quasi sempre a podio arrivando 3° assoluta nella Pistoia San Marcello e 2°assoluta nella Dynamo Trail. Però, a partire dal 2018, passando nella categorie delle veterane, la nostra caina ha praticamente disintegrato la concorrenza e portato il C.A.I. sempre al top del top. Ha infatti collezionato un
1° piazzamento nella Maratonina del Ghibellino, nel trofeo di Calenzano, nel Trofeo Frosali e citando le sue testuali parole: “tante e tante altre che sinceramente non ricordo”.
La nostra Laura però è conosciuta da tutti anche grazie al suo vecchio negozio, che veniva gestito insieme al fratello: il Mondo Corsa. Un luogo quasi sacro per noi podisti, visto quasi come un piccolo angolo di rifugio per i nostri caini, in cui non solo compravi le scarpe o l’abbigliamento, ma parlavi del tuo ultimo risultato alla gara domenicale o chiedevi degli utilissimi consigli, una tabella di allenamento, un’iscrizione ad una gara o semplicemente scambiavi due parole con delle bravissime, disponibili ed umili persone come  Laura e Fabrizio. Attualmente la nostra caina però non lavora più al nostro caro negozio ma in compenso, insieme al fratello e ad Alberto, gestisce Obiettivo Running, una bellissima attività indirizzata all’allenamento dei runners. Tutto ciò genera un motivo di orgoglio per tutto il gruppo podistico C.A.I. Pistoia ed è una realtà sportiva che ha accolto numerosi atleti caini.
Parlando della corsa e di ciò che trasmette, Laura scriverebbe un libro, ma brevemente possiamo dire che per lei la corsa è libertà, benessere fisico e mentale a tutto tondo e ritagliare una mezz’oretta al giorno per fare una corsetta è puro piacere.
Mentre invece possiamo dire che il rapporto col C.A.I. è uno dei più belli esista, basti pensare a tutte le iscrizioni alla nostra maratonina e alla corsa di S. Jacopo che ogni anno effettuavano a tutti gli atleti, caini e non ma anche a tutto il supporto tecnico che hanno fornito alle nostre gare ed iniziative. Dal suo punto di vista: “Il C.A.I. è un’altra famiglia con persone magnifiche come il nostro Presidente e Lucio (tesoriere), che non si guardano mai in modo cagnesco e non tenendo mai conto  dell’agonismo ma cercando di raggiungere tutti insieme un obiettivo di benessere e di soddisfazioni personali”.

CORRI VERSO LA PRIMAVERA

Atleti caini e non, finalmente nella nostra città è stata organizzata: “Corri verso la primavera”. Una gara di 5/10 km con iscrizione GRATUITA concepita da un nostro caro amico: Caccamo Francesco, proprietario del nostro negozio di fiducia, “MONDO CORSA”, in collaborazione con il gruppo podistico “Silvano Fedi”.

Di seguito vi riportiamo il volantino con tutte le info, anticipandovi che l’iscrizione va effettuata via email all’indirizzo: mondocorsarun@gmail.com
specificando: nome, cognome, data di nascita e squadra di appartenenza.

il c.a.i. su tvl

Buonasera a tutti,
Vi volevamo informare che il 24 febbraio verso le ore 21,00 presso Tvl  sarà trasmesso un servizio sulla staffetta fino alla cima dell’Abetone per celebrare una edizione “Speciale”, dovuta al momento estremamente particolare in cui non si poteva regolarmente correre la Pistoia-Abetone, evento in cui anche il C.A.I. Pistoia ha partecipato percorrendo la seconda “tappa” della staffetta con il nostro più giovane atleta Parrillo Giovanni.
Un risalire il percorso tanto amato dai corridori, celebrando, oltre che la gara, i quattro centenari, importanti per Pistoia, che ricorrevano in questo 2020 così sofferto.
Questa serata, per rispettare ancora le norme vigenti, sarà tenuta con pochi esponenti delle autorità e verrà trasmessa appunto nella serata del 24 febbraio a TVL in occasione delle trasmissione “Al Canto al Balì” e vedrà l’occasione di consegnare simbolicamente o/e in presenza alcuni riconoscimenti che il comitato ha voluto consegnare oltre alla proiezione di un video speciale realizzato per questa importante ricorrenza.
E’ questa l’opportunità di ringraziare anche TVL che ha seguito l’evento e che fa da cornice anche in questa serata di significati profondi: di amicizia, di valori etici e di sport.
TVL | TVLibera: Amazon.it: Appstore per Android

I NOSTRI ATLETI: ANDREA TORDAZZI

E’ arrivata l’ora di parlare di un altro nostro caino che ha fatto della corsa il suo stile di vita allenandosi a qualsiasi ora e in qualsiasi condizione metereologica. Ecco a voi: Andrea Tordazzi.
Legato al C.A.I. dal 2017, è stata la sua la sua prima ed unica squadra podistica, grazie ad Andrea Arretini, un altro nostro atleta, con cui ha affrontato la sua prima corsa: la maratonina del Partigiano.
Questa sua passione esisteva già da prima, ma solo dopo quell’anno è riuscito ad ottenere sempre migliori risultati con allenamenti più intensi e una preparazione più mirata, arrivando a percorrere ogni anno più di 2000 km e numerose gare locali.
Una delle  sue due gare preferite e che rientra tra le sue più grandi soddisfazioni che il mondo della corsa gli ha potuto offrire è stata la famosa maratona di Valencia, affrontata nel 2019 con un gruppo di amici.
Per lui è stata una competizione che ha richiesto tanti sforzi e numerosi duri allenamenti; ma tutto ciò è stato ripagato dal contorno di questa splendida gara, formato da musiche, colori e migliaia di persone che tifavano ed esultavano al passaggio di ogni maratoneta e da un ottimo risultato: 3h 17′.
La sua carriera podistica è fatta soprattutto di competizioni locali, ma ha affrontato anche numerose mezze maratone, come quelle di: Livorno, Lucca, Firenze, Pistoia e Pisa.
Quest’ ultima è l’altra sua gara preferita, in particolar modo l’edizione del 2018 perché aveva come obiettivo quello di aumentare le proprie prestazioni e ci riuscì facendo scendere il cronometro a 1h 28′.
Ovviamente, tra tutte queste competizioni, e nonostante la vastità degli atleti che gareggiano nella sua categoria (assoluti), egli è riuscito a classificarsi in un paio di gare locali, come ad esempio quella di Frassignoni, di Strasantomoro e uno splendido 4°piazzamento nella “Da Vinci a Collodi”, una gara senza alcuna particolare preparazione di ben 45 km.
Come avrete capito, il nostro caino non è un’atleta che nella corsa cerca semplicemente il divertimento, ma mira tanto anche alla competizione in ogni gara per potersi migliorare sempre di più e; tra i suoi prossimi obiettivi c’è sicuramente quello di affrontare tutte le classiche mezze regionali e la Firenze Marathon.
Passando invece al rapporto con la società, possiamo dire con certezza che oltre ad avere un ottimo atleta agonista, Andrea è sempre pronto a mettersi in gioco per tutto il da farsi nel nostro gruppo podistico. Tutto questo perché nel gruppo ha sempre trovato un’ottima educazione e disponibilità per cui ogni richiesta è stata sempre ben accolta e ogni domanda è stata accolta da una risposta. Oltre all’ottimo legame con la nostra società, ne esiste uno altrettanto bello con Obiettivo Running che lo aiuta a coltivare la sensazione che la corsa gli trasmette: di benessere fisico, tranquillità ma anche fonte di scarico di stress.
E non  c’è cosa più bella di sentire che la corsa è una “linfa” che ad ogni allenamento o gara rilascia un mix di libertà e positività.

IL C.A.I. NON DIMENTICA

Purtroppo, come tutti ben sappiamo, questo è uno dei peggiori periodi di sempre e il Covid non ha risparmiato alcuni nostri caini come: Landini Franco, Menichini Claudio e Galardini Andrea.
Inoltre, negli ultimi mesi, ci hanno lasciato anche Mati Giorgio e Bellandi Alberto.
Per tutti noi è stato un duro colpo accettare queste perdite e rivolgiamo le nostre più sentite condoglianze a tutte le loro famiglie.
Sarete per sempre nei nostri ricordi e nel cuore del nostro gruppo podistico e della nostra grande ed allargata famiglia.

– il presidente Bonistalli Roberto
e i consiglieri del gp C.A.I. Pistoia